Pubblicata il 08/02/2020
Dimmi tu,
che colpa ne ho io,
se i tuoi occhi mi inchiodano,
le parole si fermano e le tue
labbra non mi stanco di guardare?

che colpa ne ho io,
se mi vien voglia di contare
i tuoi capelli e di cadere
nei tuoi jeans attillati?

ho forse colpa io del corpo tuo
e del desiderio mio?

non io, ma il dio che mi abita dentro
è qui a mendicare la tua bocca.
non io, ma la mia voluttà cieca
è qui a batter parole per curarsi
dal languore del tuo nome.

e se tu adesso non vuoi
concedermi i tuoi allettanti fianchi,
mi accontenterò di guardarti
passare, di incontrare il tuo
fresco e perfetto sorriso così
come s’ammira il fugace trascorrere
della più bella delle stagioni.
  • Attualmente 3.75/5 meriti.
3,8/5 meriti (8 voti)

è difficile che a dirtelo sara lei, tutto quello che hai scritto diglielo di persona oppure falle leggere questa tua bellissima poesia d'amore sarai più convincente. piaciuta, un saluto

il 12/02/2020 alle 15:35

Ci proverò! Grazie!Un saluto

il 13/02/2020 alle 17:11

Non si può rimanere insensibile alle tue parole... se troverai il coraggio a lei di dirgliele ,potresti scoprirai le gioie del paradiso. Piacevole testo.

il 14/02/2020 alle 20:07