Pubblicata il 05/02/2020
Di lavorio mentale è questa fatale
teatralità, di una smorfia atroce
che s’incarna all’imbocco della
caverna, di un’entalpia del pensiero
lucido, di un mettere la mano avanti
a distribuire guerre e crudeltà

lui parla, ma in fondo nemmeno pensa
del volto in ragionamento è già
stato detto mostro
e con quell’aria tutta dotta, alla ricerca
di parole sane, t’introduce il fiele
in bocca, e boccheggia e si
sfarina ogni resistenza

ora tutto risiede in quella maglia sobria,
che nel verde tinta contiene il mostro
ragioniere in una coppa di follia
e se i pugni in cielo ciondola inveendo,
non è certo per la pace ad arte declamata,
tenuta in caldo per rinfocolare guerre.
  • Attualmente 3.5/5 meriti.
3,5/5 meriti (2 voti)

C'è tanta realtà in questo profondo testo e, non sò perchè ,mi vengono alla mente, più di uno,dei nostri ipocriti politicanti ma, come gregge di pecoroni sappiamo soltanto chinare il capo e tra cento mugugni abbiamo imparato a reprimere ogni ribellione.....piacevole lettura.

il 05/02/2020 alle 18:31

Letta con interesse, corposa e con uno stile molto personale.

il 06/02/2020 alle 11:01