Pubblicata il 26/01/2020
Nel cupo remoto grigio gelide sbarre.
la vita non conta.
sudicio freddo
dove dignitoso l’uomo sopravvive a tratti.
morti
ancor prima di morire.

mura profonde
segrete, segreti
a volte la mente vola divenendo farfalla
dove non v’è legge
né amici
né pietà.

torturati
spezzati
mille frammenti cosparsi di farmaci.
pazzia come virus dilaga.
nella fossa per anni
soli
uomini agghiacciati.

un sogno soltanto rincuora
signora di nero vestita

silenzio

una lacrima sgorga ed è libertà.

silenzio.
  • Attualmente 3.66667/5 meriti.
3,7/5 meriti (3 voti)