Pubblicata il 25/01/2020
u ‘lukaveste ‘na pagene éje
d’u libre d’u jènere umane
da kuje maje avarrèmma luà
u sengalibre d’a mammòrje.
i tadèske kustruìjene avete
mure de file k’i pungeke pe nghjude
è d’ò munne skumbarì fà meljune
de ‘bréje. Kambe de kungendraminde
quilli luke èvene chjamate
è assemeghjavene a sakke
de semènde andò de tande ndande
i tadèske ‘a mane nzakkavene
è ne luàvene nu punje. I semènde
ka sfujèvene d’è dite lóre
nu pòke d’alete angòre avèvene.
kuille ka sópavvessute sònne,
ka vive sònne asciute d’a pavure
è d’ò ‘bbannune nda kuilli kambe
sckitte nu vulìje pe ngape tenèvene:
jì dinda nu luke andò nenn’avarrìjene
vulute maje chjù vedè nu sóle èbréje.
Ògge kuilli kambe de kungendraminde
sònne lukkule de desprazjòne è rembruvere
ò’ jenere umane affenghè kuille k’éje state
nen kade dind’a ndeffrènze è s’arrepéte!

l’olocausto è una pagina
del libro dell’umanità
da cui mai dovremmo togliere
il segnalibro della memoria.
i tedeschi costruirono alti
muri di filo spinato per rinchiudere
e dal mondo isolare milioni
di ebrei. Ghetti
quei luoghi venivano chiamati
e sembravano sacchi
di semi dove di tanto in tanto
i tedeschi introducevano la mano
e ne traevano un pugno. I semi
che sfuggivano dalle loro dita
avevano ancora un po’ di respiro.
coloro che sono sopravvissuti,
che sono usciti vivi dall’incubo
e dall’abbandono in quei ghetti
solo un desiderio avevano in testa:
andare in un luogo dove non avrebbero
voluto mai più vedere un solo ebreo.
oggi quei campi di concentramento
sono grida di disperazione e ammonimento
all’umanità affinché ciò che è stato
non cada nell’indifferenza e si ripeta!
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (4 voti)

Profonda verità su cui soffermarsi a meditare ,perchè mai più succedano simili orrori....

il 25/01/2020 alle 21:11