Pubblicata il 12/01/2020
Distratti da fuochi di paglia
e ingannevoli lune
si parlava del tempo
come fosse qualcosa
che dura in eterno.

Eppure,
di perle preziose
strappate agli abissi
e forgiate dal mare
ne abbiamo contate.

Davanti lo specchio, seduta
scorgo una luce diversa
negli occhi.
Il tempo mi sfiora
sorridendo beffardo
e trattiene, geloso,
le ultime perle rimaste.

  • Attualmente 3.71429/5 meriti.
3,7/5 meriti (7 voti)

con qualche sottile rifinitura, diventerebbe davvero una perla (è logico, ad esempio, che le perle rimaste siano le ultime). bravissima...

il 12/01/2020 alle 19:51

Grazie ::)

il 12/01/2020 alle 20:20

Delle tre strofe prediligo la prima, forse perchè richiama un tempo passato, la giovinezza che di tutte le perle della collana è la più fulgida.

il 13/01/2020 alle 08:48

"Viva la gioventù che fortunatamente passa....". Sai Genziana, i riflessi nello specchio hanno proprietà uniche, deformanti. In questo caso specifico il Tempo che, notoriamente vorace e divoratore, dall'altra parte della cornice si stupisce ammaliato guardando il tuo volto e, stranemente, conserva e trattiene frammenti della tua prima gioventù (le perle residue).

il 13/01/2020 alle 09:41

Grazie Vincent e Ancient..sì, la giovinezza è tanto leggera quanto veloce e proprio per questo vissuto non pieno e consapevole come può essere la maturità, ne conserveremo sempre le tracce.

il 13/01/2020 alle 10:29

Che belle le tue poesie!

il 16/01/2020 alle 21:43

Grazie Vittorio :)

il 17/01/2020 alle 09:21

6 giovane e bella e nn devi contare perle. chi è bello lo sarà anche più in là!!!

il 17/01/2020 alle 14:03

Grazie Gabry, se ci arrivo cerchero' di diventare un'adorabile vecchietta :P

il 17/01/2020 alle 15:54

Trasportata dal mare, una perla ci parla.

il 18/01/2020 alle 09:49

ci parla del tempo che scorre.

il 18/01/2020 alle 13:21