Pubblicata il 02/01/2020
Ma tu come farai
a cancellarmi dal grigiore della giornata
a fare della nostra fine una convinta abitudine
a non sentire nel vento tra i tuoi piccoli alunni
la mia voce
a non vedere come fine della tirata terapia
il mio sorriso
a carezzare le mie spalle
trovando solo un piccolo cuscino
come farai
a morire con una lacrima
affogata nel rimorso della domenica sera,
il natale è una boa
e in questo oceano di poesia e lontananza
lascio galleggiare l’ultimo saluto.

a Vania
  • Attualmente 3.33333/5 meriti.
3,3/5 meriti (6 voti)

Malinconica .triste... penetra nell'anima facendola partecipe alla tua sofferenza....ti auguro giorni migliori...

il 03/01/2020 alle 11:34

Stesura di 9 anni fa.. ma il tempo non passa mai, si è fermato sulle sue labbra.

il 03/01/2020 alle 17:00

È semplicemente stupenda

il 03/01/2020 alle 21:45