Pubblicata il 24/12/2019
Facile è ora il cammino
che porta a te, che mi sei giorno
e felicità nel cuor mio ancora bambino...
e se di nuovo rinasco fra le pieghe
di una umanità che più non conosco
forse è dovuto alla mancata voglia
di rendere il tutto un felice cammino.
triste è il calpestio di questa navata
dove alla rinfusa hanno costruito una caverna
con la speranza di assolversi l'anima
così pregna d'indifferenza e livore
verso l'altro, che in fondo, è mia immagine.
il tutto è in noi, ma solo se saremo capaci
di affrontare quello specchio dell'anima
che spesso, riflette il nulla...

© Saverio Chiti Natale 2019
  • Attualmente 4.14286/5 meriti.
4,1/5 meriti (7 voti)

Molto sentita.

il 24/12/2019 alle 07:01

profonda poesia che arriva a toccare la sensibilità dell'anima facendola anche sua....Sereno e lieto BUON NATALE Gabriela.

il 24/12/2019 alle 20:17