Pubblicata il 12/12/2019
L'estate del tempo che fu
nel bambino e uomo che ti ha tanto amato.
la cruda zappa nei campi di grano
i frutteti odorosi dei succhi di dio
la terra piena di zolle accese
le cicale amiche di ore assopite
l'erba volata dal vento improvviso
le finestre pigre chiuse in se stesse
l'acqua vogliosa di aride gole.
campagna mia.

10/03/2010
san Gabriele (Bo)
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (2 voti)