Pubblicata il 12/12/2019
S'affaccia a Ponte Milvio
della vita sua a un bivio.

fissa pensierosa il Tevere
che scorre in acque severe...

a portare con sé i suicidi
e le vecchie carampane.

s'affascina del fiume in piena
l'insano sacrificio non la frena.

lancia la borsetta e le scarpe rotte
urla il suo coraggio nella notte.

poi si lascia cullare a picco
nell'acqua gelida, grida, mi ci ficco.

la gente la crede na pantegana
e ride che sbatte qual campana.

poi s'allontana e finge il pianto
non serve a nulla è un coro pieno...

per na lei che schifò anche il Santo.
  • Attualmente 3.5/5 meriti.
3,5/5 meriti (2 voti)