Pubblicata il 04/11/2019
I fuochi sono accesi …
dal campo il suono dei tronchi battuti dalle mazze causa un sordo rumore ritmico ed ossessivo …
lentamente intorno al fuoco si danno raccolta figure seminude che intonano una nenia lenta e ripetitiva …
lenti passi di danza creano un girotondo che circonda i fuochi …
le mani si alzano al cielo e sventolano …
riprese dalla fiamma del fuoco tracciano ombre sinistre tutto intorno …
il canto si fa sempre più intenso e il ballo più frenetico …
il ritmo delle battute sui tronchi accelera …
il sudore riga la fronte e scioglie i segni fatti con il carbone sul viso …
la schiena diventa lucida madida di sudore …
e il canto sale ossessivo e incalzante …
si aggiungono alla danza, che diventa folle, donne con i seni nudi e il corpo sinuoso che sfiorano i ballerini e ne eccitano le movenze …
la danza diventa sempre più ossessiva e il cantato un urlare sempre più violento …
gli occhi roteano vitrei e la testa diventa leggera dando vita ad una sensazione di leggerezza e di estraneità …
mi sveglio di soprassalto in un letto madido di sudore …
il cuore corre all’impazzata … sembra avere uno sfratto esecutivo da eseguire dal petto …
il sogno è ancora impresso nella mente mi alzo dal letto ed incomincio a ballare come un matto … quasi in stato di trance
follia … pura follia animale si impossessa di me … dettando il tempo ed i modi …
il tempo è passato e la civiltà ha cancellato i modi ma i ritmi dentro sono rimasti gli stessi … una follia animale mista a eccitazione ed estraniamento rituale …
e ditemi se tutto questo sogno non è una pantomima dell’umanità che siamo tutt’oggi …
non è più il fuoco, non le mazze sui tronchi, non la nudità del ballo, non l’eccitazione delle donne a seno nudo … ma se riflettiamo con calma poco è cambiato ed analogie a tutto ciò le viviamo quotidianamente …
siamo tutti li a ballare intorno ai fuochi cercando in maniera diversa e uguale le stesse cose.
  • Attualmente 4.5/5 meriti.
4,5/5 meriti (2 voti)