Pubblicata il 20/10/2019
E vortico ancora, inerme,
il volto strisciando contro il bordo
ardente di questo girone,
a molteplici soli avvinto;
per mutevoli orbite un turbine
invitto sempre più lunghe
le mie gambe trascina
- ma le mani, oh, le mani
sempre ho tese alla volta celeste!-

e si straccian le vesti
la mia carne si dilania
scissa ho l'anima, il cuore,
pregne le narici dell'odore
acre del mio disintegrarmi
  • Attualmente 4.5/5 meriti.
4,5/5 meriti (2 voti)

Molto bella e suggestiva

il 20/10/2019 alle 17:10