Pubblicata il 18/10/2019
Finalmente
so sciute ‘e cape
e s’è mise ‘o core a’ poste.

me songhe ‘nammurate
senza chiù ritegne,
senza scuorne o’ vere.

’Nu passe ‘e danze
simule ‘nu vole
cca dinte ‘e vraccie
spiccamme je e te.

a’ voglie e campà
m’è turnate comme
fuoche vive.

tutte 'o munne
è do mie, comme
si tu, mò, ppe me'.
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (8 voti)

Forse l'amore è proprio questo, seguire ciò che dice il cuore anche con la testa. Bella.

il 18/10/2019 alle 14:10

come hai fatto a capirla se è napoletano...

il 18/10/2019 alle 15:25

Non è molto diverso dal mio dialetto, diversi vocaboli sono simili e qualcuno pure uguale.

il 18/10/2019 alle 16:51

Quando la spontaneità esce dai pori prima ancora di riversarsi su foglio... questo si imbratta di linfa vitale e vola in alto come una farfalla immortale! Bravissima! Applausi!

il 18/10/2019 alle 20:45