Pubblicata il 17/10/2019
Quant tiemp adda passà
quant nott sanna fa' juorn prim co sacc re suonn s regne e speranze e se fa chin e gioia
quant tiemp adda passà
prim c'o core trova a regola do battit e a smette e foje da paura ... e torna doce cumme o' zucchero pensann a te
quant tiemp adda passà
pe sente e llacrime cocente che scorrono nfaccia senza scuorn e jettan all'aria a paur e dimane
quant tiemp adda passà
prim che o tiemp perz a foje appriess o nient diventa tiemp chin ... e t'abbracc a sulo .... e t'accuorg e ti vulè bbene
ca dimane o truov nu juorn bbuon , l'aria doce, dui uocchi bbell e nu respir a chini purmuni pe corre co vient int' e capilli...
e allucchi o' ciel che si cuntent
cuntent e respirà ... e corre ... e chiagn ... e ride... e t'abbraccià co munn forte forte... tant da sent dolore.

quanto tempo deve passare
quante notti devono diventare giorno prima che il sacco dei sogni si riempia di speranze e si faccia pieno di gioia
quanto tempo deve passare
prima che il cuore trovi il suo battito regolare e la finisca di correre per la paura … tornando ad essere dolce come lo zucchero pensando a te
quando tempo deve passare
per sentire le lacrime cocenti che rigano il volto senza vergogna buttando all’aria la paura del domani
quando tempo deve passare
prima che il tempo perso a correre dietro al niente diventi tempo pieno … e ti abbracci da solo … e ti accorgi di volerti bene
che domani lo trovi un giorno buono, l’aria dolce, due occhi belli e un respiro a pieni polmoni per correre col vento fra i capelli …
e urli al cielo che sei contento
contento di respirare … e correre … e piangere … e ridere … a abbracciarti col mondo forte forte … tanto da sentire dolore
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (3 voti)

Bellissimo testo....piacevolissima lettura.

il 17/10/2019 alle 07:13

Bella pure questa.

il 17/10/2019 alle 08:28

Me la son goduta letta ad alta voce da una ischitana! Stupenda! Ciao

il 17/10/2019 alle 14:54

Arriva come una essere che ha intenzione di procedere con calma, questa tua, e arriva sia nel fascino del vernacolo che nella sua traduzione.

il 18/10/2019 alle 13:47

... un essere...

il 18/10/2019 alle 13:48