Pubblicata il 14/10/2019
Cieli d’Oriente da razzi squarciati
notti bagnate da lacrime e sangue
….
piccole mani con palme riverse
balocchi nel fango, futuri sfumati

piccole lacrime che bagnano il suolo
cadono dolci come pioggia leggera

piccole stelle nascoste per sempre
da palpebre cucciole, paion dormienti

piccoli cuori, increduli e ignari
infetti anzitempo con odio e rancore

piccole anime che un dio abbraccerà
e piangendo diranno cosa fanno gli umani
su questa atra terra si vendono i sogni
sacri dei bimbi per il vile denaro

poveri noi con mostruosi fardelli
talmente pesanti da non poter respirare.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (1 voti)