Pubblicata il 11/10/2019
la fiorentina (1)
============

me fate ride co’ ‘sta cosa bbuffa!...
fiorentina!... (1) Quella, ‘na fiorentina?!... (1)
quell’ett’e mmezzo de carnaccia muffa
incrociata fra ‘n zzorcio (2) e ‘na gallina
che nun la pijjerebbe ‘manco a uffa?... (3)

tanto pe’ ‘ncomincià, all’abborrita, (4)
la bbestia deve da èsse ‘na “chianina” (5)
de razza, no ‘na sscimmia bballerina,
e ppoi dev’èsse inerta (6) quattro dita

e ppesà, ppoco poco, un chil’e otto! (7)
no ccome vvoi, che a ttavola imbannita, (8)
ce volete spaccià (9) che ‘sto pancotto (10)
è na gran fiorentina saporita!
ce fussi immezz’a nnoi quarch’ottentotto! (11)

note:
1) Bistecca “alla fiorentina”.
2) Topo.
3) Neanche gratis.
4) Ripetizione pleonastica: “all’abborrita” significa, per l’appunto, ‘tanto per iniziare’!
5) La mucca che fornisce la sua carne per la bistecca alla fiorentina deve essere esclusivamente quella di razza “chianina”.
6) Spessa.
7) Non sembri un’esagerazione dell’autore: una buona bistecca fiorentina è, più o meno, del peso citato nel sonetto!
8) In modo furbetto e un po’ disonesto.
9) Volete farci credere.
10) Questa pietanza molliccia e anonima (“pancotto”, in romanesco, vale anche per ‘imbroglio’, raggiro’, ‘truffa’.)
11) Ci avete per caso scambiati per dei selvaggi?

(Rossopasquino
dicembre 2005)
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (3 voti)