Pubblicata il 10/10/2019
Triste e solingo in questa cupa stanza,
rovello i miei pensieri,
avvolto dal silenzio preoccupato,
strade contorte chiudono i sentieri,
ho perso pure il gusto e la baldanza,
mi sento abbandonato,

in mezzo a voi sono l’emarginato.

Ricordo che in un tempo non lontano
sgargiante il mio sorriso,
audace con movenze assai deciso,
immerso nel baccano,
firmavo fogli e cuori con la mano
ero una vera star, un monumento,
la vita era una manna,
ma poi tutto finì in un sol momento
e dopo fu condanna.

Ed ora in questa stanza silenziosa,
solo col cellulare,
mi sento un incompreso dalla gente
che non capisce niente
ed io non la riesco a sopportare,

emarginato solo voglio stare,

in questo nostro mondo,
siam tutti insieme e tutti siamo soli,
fuori un freddo profondo,
chiuso in me stesso sogno nuovi voli.
  • Attualmente 4.33333/5 meriti.
4,3/5 meriti (6 voti)

devo dire, sei un Maestro nel genere. eccellente composizione...

il 10/10/2019 alle 19:22

Bellissima la chiusa

il 11/10/2019 alle 06:28

Concordo con gli altri. Intimamente bella.

il 11/10/2019 alle 16:19

Belle frasi struggenti di un'uomo che crede sia quasi finita, ma è nei momenti di maggior difficoltà che diventa interessante immaginare la propria intrapendenza e tirarsi fuori dal baratro per ritornare a vivere con il sorriso, immagina un tuo nuovo futuro, e realizzalo!!!...

il 13/10/2019 alle 09:30

ritorna ad essere solare! la solitudine può essere buona per poco e anche se non credi più negli altri.. una giornata di sole può esserci utile incontrando dei fiori raccoglierli e sentirne il profumo alla faccia di chi non sa godersi la vita nonostante le difficoltà.

il 17/10/2019 alle 15:06