Pubblicata il 10/10/2019
Seduto su una panchina godo il primo sole primaverile ...
la testa rivolta in alto ...
gli occhi socchiusi feriti dai raggi del sole che trafiggono le foglie degli alberi ...
il tepore sul viso ...
questo torpore mi porta a te ...
alle tue carezze al calore del tu corpo avvinto al mio ...
i baci ...
e gli scherzi ...
le liti per il cioccolato fondente ...
niente altro era amaro allora ...
i tuoi sorrisi ...
la mia gioia ...
mio dio che bello questo sole sul viso!
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (4 voti)