Pubblicata il 21/08/2019
raggi… de bbujjo

er fatto, Nì, de stà cco’ Ccesarone
nun potevi ‘spiracce simpatia
ma er popolo, che quer che trova pìa,
t’ha eletta e ccià appoggiato ‘sto crocione.

da quer giorno ‘gni ggiorno ‘n’affrizzione:
li Romani stanno a bbagnomaria
come li gallinacci in batterìa
a ssòn d’arifilate sur groppone!

arimbarzi da Grillo a Cazzareggio,
cambi ‘gni ggiorno un pàro d’Assessori
e la Ggiunta va ormai de mal’in peggio!

le bbuche pe’ le strade so’ crateri
che a ppassacce te pìano li dolori
e ddimani sarà ppeggio de jjeri.

co’ ‘sti probblemi seri
ridi come ‘na bambola de pèzza
sicura de la propia impunitezza…

(Rossopasquino 2017
25 Agosto)

glossarietto E note

i “raggi” del titolo sono un evidente riferimento alla Sindaca della Città Eterna, Virginia Raggi, autentica jattura per la disgraziata capitale della Repubblica.

nÌ: Appellativo, quasi affettuoso, che si suole dare ad un ragazzo, ad un giovane inesperto.
cesarone: Cesare Previti, pregiudicato ex Ministro della Repubblica, nello Studio del quale la futura Prima Cittadina ha probabilmente consolidato la propria impronta destrorsa.
‘spiracce: Ispirarci.
quer che trova PÌA: Non guarda troppo per il sottile.
ciÀ appoggiato ‘sto CROcione: Ci ha caricato sulle spalle questa croce pesante.
‘N’affrizzione: Un dolore, una sofferenza.
a bbagnomaria: In situazione precaria, pericolosa.
gallinaCci in batteria: Tacchini d’allevamento.
arifilate sul groppone: Bastonate o frustate sulla schiena.
arimbarzi: Rimbalzi, sei succube.
cazzareggio: Davide Casaleggio, vero “padrone” del Movimento Cinque Stelle.
un paro: Un paio, una coppia.
iMPuniTEZZA: Impunità, certezza di non pagare le decime delle proprie malefatte.

sonetto datato ma, ahimé!, attualissimo!
(guga)
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (2 voti)

Condivisa....

il 21/08/2019 alle 08:05