Pubblicata il 19/08/2019
Cammino per le strade
della mia città
soffermandomi sugli scorci
che conducono a dei ricordi.
un bacio e poi un abbraccio
attraverso flebili promesse
annegate dalla stupidità.
stamane ho capito finalmente
di aver smarrito
parte della mia personalità.
ma tra le mie aride labbra
posso ancora percepire
il sapore che avvolgeva
la nostra piccola realtà.
un amore diverso
che avrebbe potuto
avere un senso
se solo non avessimo abusato
della libertà.
dopo alcuni passi
mi ritrovo circondato
dal deserto di questo agosto
e le poche persone
che si mischiano ai turisti
sembrano non accorgersi di nulla.
soltanto il silenzio
dettato dai fraintendimenti
sembra aver avuto pietà.
vorrei parlare con qualcuno
per sentire il calore
di un animo genuino
in grado di contrastare il gelo
che si oppone al mio cuore.
avere tra le mani
ancora un briciolo di umanità
che possa spezzare l’oblio
dell'eternità.
il mondo in cui vivo
l'ho costruito io
e spero tanto che un giorno
possa finire assieme
alla mia triste farsa.
  • Attualmente 3.5/5 meriti.
3,5/5 meriti (4 voti)

..vai tu incontro agli altri e ,vedrai che molti ti seguiranno .... il tuo sentire è racchiuso nell'intimo di tanti che, come te, attendono che il primo passo sia sempre quello altrui ... un rifiuto al loro primo approccio sarebbe una mortificazione che non vogliono rischiare.......piacevole lettura.

il 19/08/2019 alle 09:35

Grazie, Gabriela, ci sono dei giorni in cui mi sembra facile comunicare con gli altri, ma poi il più delle volte mi sento risucchiare da un apatia incontrollabile... un saluto.

il 19/08/2019 alle 10:40