Pubblicata il 03/08/2019
Hey! C’è qualcuno nascosto nell’ombra?
sono le paure ancestrali a rendermi così
vulnerabile.

spesso traggo conclusioni incongruenti,
e volentieri metto in dubbio il barlume.
insicura ma impudente, ma pur sempre
perdente.

sfondo il muro del suono, mi prudono le
dita, batti un colpo se ci fai.
toc toc!
qualcuno bussa alla mia bara o è pura
immaginazione?

questo è il mio triste scenario, un palco
privo di spettatori e sipario, abbandonato.
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (2 voti)

ingenua e scontata...

il 03/08/2019 alle 20:09

...La Poetessa immagina di essere chiusa in una bara dentro alla Cripta...probabilmente per capire le reazioni del mondo vivente intorno alla bara dove giace...i tempi del racconto poetico non sono in sincronia...le paure ancestrali sono emozioni prima della dipartita ? Oppure la Poetessa s'immagina chiusa nella bara ma perfettamente cosciente ? Il finale sembrerebbe far pensare all' ipotesi di una scenografia...un appunto circa il verso in cui si mette in dubbio il "barlume"...barlume esprime uno stato di luce incerta...non è chiara questa espressione a meno che la Poetessa abbia voluto esporre una metafora...metafora, comunque, un po' strana...; alla prossima...

il 04/08/2019 alle 10:54

Grazie dei commenti. Il testo che sembra privo di senso è tutta una metafora, da qui il titolo "Nella Cripta" (CRIPTICA). La prima parte è sulla solitudine e la paura di esporsi, la fragilità. Poi si basa anche sulle delusioni e sul mettersi in discussione (mettere in dubbio il barlume della ragione). La terza strofa è rabbia, pura e intensa, e di nuovo solitudine. Il finale rappresenta un isolamento totale, inconsciamente ricercato e voluto...

il 04/08/2019 alle 12:47

credo che sia uno scenario molto tetro per una giovanissima con il pensiero verso l'ignoto macabro... di sicuro nasconde dentro di se situazioni sconfortanti ... ma anche qualcosa di misterioso . un saluto

il 04/08/2019 alle 17:27