Pubblicata il 17/07/2019
Tempo o non tempo
ora respiro
nell'asfittico cielo estivo
di un luglio mai desiderato

tempo o non tempo
ora sospiro
nel torrido vento estivo
un universo chiuso in un lampo annoiato

in pugno ho le briciole dei giorni passati insieme
come ossa ammucchiate in una fossa comune
che è la mia mano

in testa i ricordi si mischiano incoerenti e leggeri
come carte mischiate da tocco comune
che è la tua mano

ma non è più tempo per questo

tempo o non tempo
ora mi ammiro
nel vorace mondo fuggitivo
che mi osserva sconcertato

io ho occhi vitrei e fugaci
rapisco il bello appoliaiato sulle cimase severe
carpisco il buono perduto tra i viali cinerei
mi faccio velo tra le dimensioni
ed imparo

mi espando ad ogni atomo che attraverso
e respiro
sono aperta e in parte libera
sono viva e vuota
ma perpetuamente in fiamme

le palpitazioni di cortecce mi sfiorano la scorza quasi a grattuggiarmi via

e sono così libera
da non esistere più
  • Attualmente 4.5/5 meriti.
4,5/5 meriti (2 voti)