Pubblicata il 15/07/2019
strakkue sònghe, Segnòre, d’u kambà:
avvurrisce stu munne pe kuande
l’alme de Gesù avvurrisce u pekkate.
strakkue sònghe pekkè tturne a mè
véde sckitte setuàzjune malamènde.
giurnale, radje è talavesjune
ndènene avete da kumunekà
si nò nutizje skumburtande de
marjulizje, attendate de pulitece
kurrutte, de krestjane ka mòrene
de lópe. Kóse ka m’hanne fatte
pèrde ‘a stime d’i pulitece, nd’i
strutture suciale, nd’i ‘stetuazjune
è pure nd’i privete. Nzònghe chjù
u stèsse tande ka nen m’arrekanòsce.
kréde de ghèsse angóre nu kredènde,
pure si véde tanda pukresìje
nd’a kase d’u Segnòre. Spisse me
suffurméje a refrètte sóp’a l’èsse
òme è m’addummanne si nenn’éje
valze ‘a péne ka Gesù venèsse
sóp’a tèrre pe ngròce murì, viste
‘a fallemendare respóste d’i ummene.
vake annande kum’a Pitre, dòppe
‘a kunnanne de Gesù, tra suffrènze,
fatike, delusjune, prukkupazjune
è skembórte è sckitte u kande
de ‘na vucille sóp’a nu kacchje
d’areve d’ò turpóre me skutuléje.
“U galle kandaje è Pitre skusse fuje
d’a sunnulènze è amaramènde chjagnìje
è d’a mòrte ka dinde tenéve venìje
sarvate.” U kande d’a vucille me farrà
arretruà kuillu munne de justizje
è d’ammòre d’a Gesù prerekate?

sono stanco, Signore, della vita:
aborisco questo mondo per quanto
anima di Gesù aborisce il peccato.
sono stanco perché intorno a me
vedo solo situazioni negative.
giornali, radio e tv
non hanno altro da comunicare
se non notizie sconfortanti di
latrocinii, attentati, di politici
corrotti, di gente che muore
di fame. Cose che mi hanno fatto
perdere la stima dei politici, nelle
strutture sociali, nelle istituzioni
e anche nei preti. Non sono più
lo stesso tanto che non mi riconosco.
credo di essere ancora credente
anche se vedo tanta meschinità
nella Casa del Signore. Spesso mi
soffermo a riflettere sull’essere
uomo e mi chiedo se ne è
valsa la pena che Gesù venisse
sulla terra per morire in croce, vista
la fallimentare risposta degli uomini.
cammino come Pietro, dopo
la condanna di Gesù, tra sofferenze,
fatiche, delusioni, preoccupazioni
e sconforto e solo il cinguettio
di un uccellino sul ramo
di un albero mi scuote dal torpore.
“Il gallo cantò e Pietro fu scosso
dal torpore e amaramente pianse
e dalla morte che aveva dentro venne
salvato.” Il cinguettio dell’uccello mi farà
ritrovare quel mondo di giustizia
e d’amore da Gesù predicato?
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)