Pubblicata il 14/07/2019
Eppur non si muove
perché io vedo
troppe asincronie
d'immobile e grottesco
incedere

di città e automobili
in bolle trasparenti
avanti e indietro
oblique evoluzioni
balli

il pensiero arranca
nell'immobilità di un gesto
spalanca un grido che tosto
si ghiaccerà a formar sculture
e abbellimenti.
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (3 voti)

profondamente meditativa....

il 15/07/2019 alle 09:38

Grazie per la lettura e il commento.

il 15/07/2019 alle 12:45