Pubblicata il 08/07/2019
Un tempo del passato ormai sepolto,
i primi anni novanta,
fine dicembre, quasi capodanno,
rimasi stupefatto in lontananza,
mi avvicinai non proprio disinvolto,
la presi con l’inganno

e da quel dì per sempre feci danno.

parlai solo con lei in quella serata,
il bianco suo pallore,
mi mise un improvviso buonumore,
divenne in quell’istante la mia amata
e non l’ho più lasciata.
la presentai agli amici miei piu cari
narrai di una fanciulla intensamente
e tutte le comari,
gracchiarono in un moto irriverente.

parlai sempre di lei e ne parlo ancora
e con una matita,
disegno spigoloso il suo bel viso,
poi insieme abbiam deciso
di rinnovar per sempre la partita,

amore, eterno amor tutta la vita.

ed anche nel futuro ormai vicino
con nuvole d’argento,
il suo sorriso sempre sbarazzino
custodirò nel vento.
  • Attualmente 3.66667/5 meriti.
3,7/5 meriti (6 voti)

ma che bella dedica. Un incontro che ha dato i suoi frutti e che ancora conserva quel sapore acerbo ed emozionante dei primi giorni. E' bello amare ed essere amate.

il 08/07/2019 alle 21:24

Sempre una poesia curata, ricca, musicale.

il 09/07/2019 alle 07:42

a tutto si può rinunciare ma .....non alla dolcezza e la tenerezza di un vero amore .... piacevole testo.

il 09/07/2019 alle 07:44

Buongiorno, ringrazio gli autori per i commenti :-)

il 09/07/2019 alle 08:18

Dedica gentile, di una sincerità semplice che si percepisci ad ogni verso. Una poesia che conforta e rasserena. Bel lavoro.

il 09/07/2019 alle 08:37

Grazie Eriot :-)

il 09/07/2019 alle 09:08

L'amore prima di tutto! queste sono le cose belle da raccontare quelle che porti con te per tutta la vita e darle la giusta esaltazione anche nella poesia. molto bella ciao

il 12/07/2019 alle 15:36

Ma che bravo!

il 27/07/2019 alle 18:11