Pubblicata il 07/07/2019
Vivrò come una falena
incontaminata e pura
figlia della natura
che voi umiliate
di giorno in giorno.
Riposerò come un cane
in sogno, libero
dai vostri innaturali
odori e rumori.
Dormirò da solo,
in braccio al mare,
alle potenti montagne,
correndo nella brughiera,
mangiando castagne,
bevendo al ghiacciaio.
Morirò sereno, ritornando alla madre
portando in dono
il mio cuore avverso
all'orrore che mi circonda.
  • Attualmente 4.25/5 meriti.
4,3/5 meriti (4 voti)

Sei proprio bravo

il 07/07/2019 alle 15:43

Uno stile intellettuale e morale a cui non ha mai rinunciato a vantaggio della propria libertà in seno a ciò che amava. Lo hanno sempre creduto “dentro” ma a leggerlo e capirlo lui era ben fuori da tutto ciò che è recinto. Hai proposto un autore e un personaggio che stimo e che merita, almeno a mio parere.

il 07/07/2019 alle 15:44

Grazie Lara, bravo era lui... Grazie Arlette, dici bene, per me questo autore, largamente sconosciuto, è stato decisivo per la mia formazione.

il 07/07/2019 alle 22:14