Pubblicata il 03/07/2019
Cavalcano sei strade parallele – degradanti
verso il basso ( ad una ad una ) e verso l’alto – dieci viandanti

agili come rondini sui fili
della luce: carezze di velluto –
eco profonda di ritorni in bìlico
nel tempo – mille secoli e un minuto...

dalle bocche di legno del silenzio aspre voci – a contrasto
di più aeree cadenze – rimbombo di cavalli – diàstole di cuori
pulsanti – ripetuti esitanti rumori più dolci e veloci.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (3 voti)

Perché nessun voto. E' una bella canzone.

il 22/05/2020 alle 20:24