Pubblicata il 15/06/2019
tu me daje ‘na kóse a mè è ìje
te dènghe ‘na kóse a tè nu prubléme
éje ka da sèmbe annanze vace
sópattutte dinde a puliteke
a ndò u kannedate vóle avè
nu lunghe sèkute de gènde ngagne
de favure kungèsse abbusanne
d’u putére k’a puliteke i dà.
È timbe de Ròme d’ajìre gènde
unèste ève ki addummannave
u vóte pekkè ki vutate l’éve
d’a bbenefecènza suje kambave.
Ògnè matine a kase se ne jéve
de kuille ka vutate éve p’u agurà
nu bbune jurne è arréte se purtave
nu bbèlle ciste ka jengute éve
de magnà. I timbe sònne kagnate
ma cirte aùsanze sònne mutate
sckitte dind’a kuandetà è kualetà
d’i ciste ka sònne de ki se fà vutà!

tu dai una cosa a me e io
do una cosa a te un problema è
che da sempre esiste
soprattutto in politica
dove il candidato vuole avere
un seguito elettorale in cambio
di favori concessi abusando
del potere politico.
ai tempi dell’antica Roma gente
onesta era chi chiedeva
il voto perché chi l’aveva votato
viveva della sua beneficenza.
ogni mattina a casa andava
di colui che aveva votato per augurargli
il buon giorno e dietro si portava
un bel cesto che veniva riempito
di cibo. I tempi sono cambiati
ma certe usanze sono mutate
solo nella quantità e qualità
dei cesti che appartengono a chi viene votato.
  • Attualmente 5/5 meriti.
5,0/5 meriti (2 voti)