Pubblicata il 15/06/2019
Casa di mattoni arancioni

hai una porta viola.

ti hanno cucito la vita sul legno aspro

e graffiato di quel portoncino.

le dita ci passano su

e una crepa le graffia.

una scheggia si conficca nel mezzo del mio anulare.

ma ho la pinzetta nella borsa

e la scheggia non può fare alcun male.

casa,

nelle notti della sterilità della luna

niente contieni che voglia essere contenuto.
da La casa dalla porta viola
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (4 voti)

piaciuta, in particolare i versi III e XI...

il 15/06/2019 alle 23:32

L'adoro quella casa dalla porta viola.

il 16/06/2019 alle 07:56

Grazie Ravachol, ne sono contenta.

il 16/06/2019 alle 10:48

Anna ahhhaha!! Penso che agli altri verrà la nausea se pubblico tutte le poesie della silloge. Ahhahah! Comunque grazie Anna per l'incitazione. Vero è che ormai mi sono messa in gioco.

il 16/06/2019 alle 10:53