Pubblicata il 10/06/2019
Sotto il drago
ho camminato nei giorni di pioggia
travolta da fiumi
di acquasanta
ho lavato per un po’ la mia anima
da cenere e cemento.
ho ascoltato echi di campanili
e suoni festosi di bande
non pensavo sarebbero stati così pungenti
il ritorno è un calice
alzato in nome della Condivisione
se la condivisione accoglie le labbra
di un’anima assetata
e sazia la sete di appartenenza con un noi che tutto contiene.
  • Attualmente 3.75/5 meriti.
3,8/5 meriti (4 voti)

Saziare la sete di appartenenza...che bello Manu, spero che la tua sete si stia saziando, a poco a poco.

il 10/06/2019 alle 17:34

Annina, sei la mia madrina!!! Grazie cara!!!

il 11/06/2019 alle 13:42