Pubblicata il 30/05/2019
Resta silente il dolore più grande
sotto la terra e sopra le ghiande,
non mi resta che parlare col cielo
e lo faccio senza alcun velo...

prima eri tu il mio timone
come il mare,l'onda alla sabbia pone
la speranza d'averti vicino
con un buon bicchiere di vino.

non voglio più ammirare il mare
non è acqua ma lacrime amare,
voglio urlare la mia rabbia
e prende a calci la sabbia!

ti stringevo a pugni chiusi
ma oggi è il cielo che tu usi,
per mandarmi I tuoi messaggi
perchè il sole non ha raggi.....

mi hai lasciato, hai preso il volo
il mio cuore a pezzi,è solo!
a mio Padre.c.barux
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (1 voti)