Pubblicata il 18/05/2019
La vita in un sacchetto di plastica,
il passo lento,
esitante,
insicuro.
l’odore del passato
che ti insegue
nelle bottiglie vuote,
dove anneghi i ricordi
che svaniscono veloci,
di cui non ti resta
che un'orgia
di colori e di sapori…
di voci e di suoni…
poche stelle come tetto
e la solitudine,
vecchia amica e compagna di viaggio,
con cui parlare stasera
di sogni e di fate,
e di luoghi lontani,
magici…
dove non c’è cattiveria,
dove non ci sono tiranni…
per non guardare il mondo!
pochi passi da vecchio, pochi,
fra un grazie e un rifugio di cartone,
fra cumuli di spazzatura
e qualche sorriso sdentato,
tra un mondo che non sa vivere
ed uno che sa solo osservare la vita.
la vita in una busta di plastica,
abbandonata nella strada,
dimenticata dal mondo,
in attesa del proprio turno.
  • Attualmente 3.33333/5 meriti.
3,3/5 meriti (3 voti)

Una ben triste vita che hai espresso con quell'aura di pena per coloro che sono costretti a vivere per strada!

il 18/05/2019 alle 18:14