Pubblicata il 27/04/2019
La notte del Venerdì Santo feci un sogno. Camminavo da solo in un largo viale occupato qua e là da tavolini con sedie dove la gente sgranocchiava qualcosa. Ad un certo punto il viale terminava in un muretto, oltre il quale ci stava direttamente il mare.

al muretto, diversi bagnanti prendevano il sole in costume e osservavano le onde. Anch'io mi misi a osservarlo. L'uomo vicino a me, un uomo sulla sessantina leggermente robusto, si mise a conversare di qualcosa, mi parlò dell'oggetto che stringeva tra le mani. Notai una collana in oro con delle sfere blu in lapislazzuli (il lapislazzuli è una pietra semipreziosa usata in gioielleria fin dai tempi dei faraoni). Poi compresi: l'oggetto non era una collana ma un rosario. Il giallo dell'oro e il blu del lapislazzuli spiccavano al sole. Ma, forse per disattenzione, l'oggetto scivolò dalle mani dell'uomo direttamente oltre il muretto e cadde in acqua.
fu così che entrambi scavalcammo il muretto per cercare di recuperarlo, invano.
ad un primo tentativo, l'uomo riuscì ad acciuffarlo, ma il rosario come un serpente, sgusciò nuovamente e si perse fra le onde.
costernati, con fatica, scavalcammo il muro per tornare indietro (nel frattempo il mare si era ingrossato ed ebbi il timore di non essere al sicuro).
l'uomo tornò dalla moglie e dalla figlia, che gli fecero una romanzina per essere stato così distratto e per essersi fatto distrarre da uno sconosciuto (anche se sembrava una così brava persona).

dopo, al risveglio, andai a controllare il significato del mio sogno: il rosario rappresenta la fede, il colore blu la spiritualità.
a dire il vero, il Giovedì Santo, ero entrato in Cattedrale verso le undici del mattino e la chiesa era stracolma di fedeli che ascoltavano la Messa, ma ne ero subito uscito, quasi ne fossi stato catapultato fuori da un senso di estraneità. In un mondo dove non c'è più spazio per la solidarietà e il rispetto, dove l'ipocrisia la fa da padrona, tutta quella gente che assisteva alla Messa mi era sembrata così finta, quasi senz'anima... e le statue dei Santi con aria di minaccia e di sfida!

nel sogno, il rosario non appartiene a me ma ad "un uomo". La fede non è mai stata mia, ma si è mostrata in sporadiche occasioni. Il fatto che scivoli così velocemente (come un serpente) dalle mani, è chiaro. Basta un niente, una leggera disattenzione, e il gioco è fatto, la fede finisce inghiottita dalle onde. Sparisce dalla nostra vita lasciando un vuoto e un gran senso di solitudine (e una gran voglia di scappare dalla chiesa stracolma di fedeli).
  • Attualmente 2.66667/5 meriti.
2,7/5 meriti (3 voti)

una pietra molto bella,carica di significati.Credo che la facilità con la quale quel rosario sia scivolato di mano rappresenti la superficialità con cui molte persone si avvicinano alla fede senza sentirne davvero la pienezza.La fede intesa come collana resta un oggetto che facilmente si perde,la stessa cosa non si può dire se è qualcosa di interiore e vera.Probabilmente il tuo "dissociarti"da quella moltitudine è un modo di valorizzare il vero significato del pregare e stare in raccoglimento,che non implica necessariamente farlo seguendo un calendario o in gruppo,anzi.E secondo me quella collana che nel sogno scivola via così facilmente,rappresenta la fede ostentata ma vuota,quella stessa che hai sentito il bisogno di rifiutare.

il 28/04/2019 alle 08:13

Molto belle le tue considerazioni-riflessioni. Grazie e buona domenica.

il 28/04/2019 alle 10:07