Pubblicata il 26/04/2019
aggia letto a notizia,
ieri sera n’gopp o' giornale
“Demolito dalle ruspe
il palazzo del Bar Centrale”.

era un articolo di poche righe
affianco a pagina da' pubblicità
nun ce' potevo credere
in un attimo è volata in cielo la nostra libertà.

sto parlanno do' “Bar e Giacumin”
sotto o palazzo mieza a via
pe' nu mumento aggia chiuso l’uocchie
e a colori è trascorsa tutta a vita mia.

mi ricordo quand’ ero creaturo
e papà mio abbracciato a me…......
mi mandava a comprà nu quarto e macinato
di quell’ottimo e aromatico caffè.

mi ricordo ‘o flipper nell'angolo appena trase
e 'a partita a carte di tanta gente onesta
o' fumo denso de’ sigarette
e signore co' mandesino c’arapevano a fenesta.

a l’altro lato, sulla destra
attraverso i vetri e n'ata porta
vedevo o' monumento do' nonno mio
appoggiato al frigo azzurro dei gelati “Motta”.

ormai 'o bar è distrutto, se vedono e macerie
tutto attuorno è solo nu cantiere
ne parlammo con tristezza
assettato addo’ barbiere.

e come diceva George Harrison,
chillo nato a Liverpool tanto tiempo fa’,
l’alba nun po’ durà tutta a matina
comme ogni cosa, chianu chianu, adda’ passà.
  • Attualmente 4.2/5 meriti.
4,2/5 meriti (5 voti)

"pe' nu mumento aggia chiuso l’uocchie e a colori è trascorsa tutta a vita mia".Questo passaggio è molto bello,è il momento in cui le immagini del passato riemergono e lasciano ripercorrere importanti tratti di vita che riguardano anche quel bar e gli affetti più cari.Gli ultimi versi chiudono degnamente tutto il resto,sanno di amara consapevolezza che tutto volge ad un termine,anche l'esistenza stessa.

il 26/04/2019 alle 13:41

mi hai fatto vivere i tuoi piacevoli ricordi e la mesta malinconia per la perdita del "Bar Centrale" piacevolissimo testo...

il 26/04/2019 alle 19:00