Pubblicata il 19/04/2019
Nella casa dei muti
non c' è posto per me
Perché dentro nella più indifferenza
vi regna l'assoluto silenzio

capi chini
sui tavoli
sotto luci soffuse
schiavi del loro malessere
hanno smarrito la voce
e non hanno più dignità

Quando ossequiano
rendondosi ciechi
e barattano
la libertà
all'indiscusso volere
del re folle dei sordi
  • Attualmente 4.33333/5 meriti.
4,3/5 meriti (3 voti)

Parole che attraversano la pelle una dopo l’altra. Una tematica che è il cupo arredo di molte, troppe case e la sola via d’uscita è riuscire a chiudersi la porta alle spalle prima che il silenzio imprima il suo marchio indelebile.

il 19/04/2019 alle 17:57

Profonda verità nel tuo poema e....piaciuto anche il commento della Poetessa arlette che mette in evidenza una realtà (oggi spesso racchiusa ) dentro le proprie mura.... bravi tutti e due

il 23/04/2019 alle 10:19