Pubblicata il 12/04/2019
Nd’a kujéte skurde d’a nòtte
lustrecèlle s’avezavene,
scennèvene, jèvene dakkuà
è dallà, skumbarèvene, lundane
se ne jèvene, s’avvecenavene:
brellòkke d’u cile vagabbònne
assemegghjavene, scennute
a ‘bballà è akkume a lustre
d’u prèsèbbje u jì d’i krestjane
k’u vèrde lòre fanaline
allustrechjavene. Nu kungirte
de grille i nazzekave, nu bòmmine
ngandate i uardave è kuanne
‘a nòtte muréve, attakkate
a ‘na kòsse de fjòre se stutavene.

nella quiete oscurità della notte
lumicini si alzavano,
scendevano, vagavano di qua
e di là, scomparivano,lontano
se ne andavano, si avvicinavano:
stelle vagabonde del cielo
sembravano, scese
a danzare e come luci
del presepe il cammino della gente
con i verdi loro fanalini
rischiaravano. Un concerto
di grilli li cullava, un bambino
incantato le ammirava e quando
la notte moriva, avvinte
ad un gambo di fiore si spegnevano.
  • Attualmente 0/5 meriti.
0,0/5 meriti (0 voti)