Pubblicata il 09/04/2019
‘A mòrte, da kapecifere vestute,
brannisce ‘na favece frèdd’assaje
ka i vitteme suje dekapetéje
ke uèrre nzenzate, sènza kape nè kòde.
lagreme de sóle vèrze u gavete
kum’a lègge fraffralle scelljèjene,
tramènde i vuce lóre ndunèjene
kanzune d’Ammòre sòtt’a macèrje
nzutturrate è lukkule nzuffukate
de pandaseme d’a vite struzzate.
lukkule è kanzune ka sènde se fanne
nd’i kuscènze nòstre k’addummannene
u pekkè de tanda ‘naùdite vjulènze.
‘A mammòrje se jènghe de presènze
sènza facce, de maréje vagabbònne
de penzire ka sciusce addevendèjene
de kambà pe ne nfà skumbarì né murì
kuille ka éje state: ‘a ‘trucetà
d’u nzenzate jèste fatte kòndre vite
‘nnucinde ka chjù ne nge stanne è ka,
kum’a akkuarèlle ka cigghje addefrèscke,
chjìne de séte de kujéte sònne!

la morte, vestita da demone folle,
brandisce una gelida falce
che le sue vittime decapita
con guerre senza senso, assurde.
lacrime di sole verso l’alto
volano come leggere farfalle,
mentre le loro voci intonano
canzoni d’Amore da macerie
sepolte e grida soffocate
di fantasmi stroncati della vita.
grida e canzoni che echeggiano
nelle nostre coscienze che si chiedono
il perché di tanta inaudita violenza.
la memoria si popola di presenze
senza volto, di maree vagabonde
di pensieri che divengono alito
di vita per non far sbiadire né morire
ciò che è stato: l’atrocità
dell’assurdo gesto compiuto contro vite
innocenti che non ci sono più e che,
come rugiada che rinfresca germogli,
assetati sono di pace!
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (1 voti)