Pubblicata il 09/04/2019
Triste e solingo in questa cupa stanza,
rovello i miei pensieri,
avvolto dal silenzio preoccupato,
strade contorte chiudono i sentieri,
ho perso pure il gusto e la baldanza,
mi sento abbandonato,

in mezzo a voi sono l’emarginato.

ricordo che in un tempo non lontano
sgargiante il mio sorriso,
audace con movenze assai deciso,
immerso nel baccano,
firmavo fogli e cuori con la mano
ero una vera star, un monumento,
la vita era una manna,
ma poi tutto fini’ in un sol momento
e dopo fu condanna.

ed ora in questa stanza silenziosa,
solo col cellulare,
mi sento un incompreso dalla gente
che non capisce niente
ed io non la riesco a sopportare,

emarginato solo voglio stare,

in questo nostro mondo,
siam tutti insieme e tutti siamo soli,
fuori un freddo profondo,
chiuso in me stesso sogno nuovi voli.
  • Attualmente 3.66667/5 meriti.
3,7/5 meriti (3 voti)

E' vero, siam tutti soli...ma la solitudine è importante, è una sorta di specchio. Abbandonato, emarginato, incompreso...sono tutte condizioni della mente che nulla hanno a che vedere con la realtà: una realtà mutevole, incomprensibile. Nessuno dovrebbe cadere in queste trappole mentali.

il 09/04/2019 alle 12:51

Mi piace la chiusa... Forza so cosa vuol dire, ci sono passata

il 09/04/2019 alle 12:51

siamo tutti soli perché preferiamo restare soli? la gente ci passa vicino e non si accorge di avere vicino l'amico, il compagno e anche una persona di famiglia, anche fra fratelli non c'è più quel contatto da poterti sentire l'amico vicino. Quando mi sento solo una bella passeggiata al mare o in altri posti e mi accorgo che molte volte è meglio restare soli. unsaluto

il 09/04/2019 alle 17:41

La solitudine a volte dà forza ai nostri sogni, ma è sempre preferibile trovare una giusta via di mezzo nei rapporti con gli altri. Non sempre la solitudine riesce a trovare soluzioni ai problemi che giornalmente ci affliggono.

il 09/04/2019 alle 20:00

Ci sono delle belle verità in questi commenti. È sempre una buona compagna la solitudine e credo che non sia lei che temiamo, quanto invece l’incapacità di saperla gestire alternandola a ciò che la vita di tanto in tanto ci offre e che ci arriva attraverso il confronto. Anche in versi, come in questo caso, anche nei pareri altrui, si, ci si sente parte di qualcosa che accogliamo e che ha delle risposte nell’osservare, capire e trasformare. Trasformare in qualcosa che assomigli alla serenità. Un salutone.

il 09/04/2019 alle 21:14