Pubblicata il 09/04/2019
Spara sulla croce rossa
la notte
discesa letale
sugli occhi e la bocca
come rubinetto aperto
di una camera a gas.

spara
e cancella il riparo
mentre all'angolo
un pugno mi chiude
stringendomi il collo.

la risposta
è sugli occhi e la bocca
che arriva veloce
come suono impazzito
a chi è solito attendere.

sotto tenda
e negli angoli bui
con un piede sul cranio
e la bocca ripiena di terra
restare inerme non so.

preferisco morire di stenti
col dolore che attraversa i circuiti
dove sensi e sensori risiedono
fino a non sentire più nulla
ma vendendo cara la pelle
prima che sia troppo tardi
e come canoa
alla fine della cascata
finire dentro al tritello.
  • Attualmente 3.5/5 meriti.
3,5/5 meriti (2 voti)