Pubblicata il 01/04/2019
Vaga
l'ombra mesta,
per l'infinito si propaga
qual essenza
d'antiche
ed umane spoglie.

luttuoso fluttuare
dilaga con nembi e tuoni
la lugubre bufera,
d'istinti mortali.

dissolte menti
urlanti, contorte..
l'inganno è reso
la belva lor stesso ripudia.

stolti in vita
informi spettri
nel regno della morte.
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (1 voti)