Pubblicata il 28/03/2019
‘A kròce pe ngulle ce jèttene
pe tuttekuille ka succiudéje
pure pe l’akkue ka nen ascènne
da nuvele nèreve ka ngile
sciuvulèjene kum’a sgarrupe
sóp’a kréte. È nuje nèreve
facce? Citte stime è d’èsse
akkattate aspettame è ngògne
d’i strate p’i sulete fatike
de stagiòne pe fóre d’ò sòle
arze. ‘A sére u returne éje
nda vasce kase, kume a kambe
de kungendramènde avezate,
da l’ummene ndevise skurtate,
è sònne i kumbagne nustre de nòtte
dind’i vetamòbbele ò fridde
appennekate. Ki sime Nuje
facce nèreve? Nuje i sènza fòrze
de ògge sime, figghje d’i patre
ngaténe arredutte è kuàle
prujubbute éje de kandecchjà
pe mbèrde u ritteme de fatekà.
nd’i chjìse è sóp’è giurnale
frate sime chjamate, ma k’ucchje
sturte ce uardate è cerrature
cekagnule ce menazzate.
È nuje facce nèreve? Citte
stime è a ndò ce purtate jame.
ma ki sime nuje facce nèreve?
nuje sime i bbunate pèkure
d’i patrune janghe, kavalle cike
de ‘na trageka giòstre ndurne
a’ kuale rire è sullazzarze.

la croce addosso ci buttano
per tutto quello che accade
anche per la pioggia che non cade
da nuvole nere che in cielo
scivolano come frane
sull’argilla. E noi nere
facce? Zitti stiamo e di essere
comprati aspettiamo agli angoli
delle strade per i soliti lavori
stagionali nei campi dal sole
bruciati. La sera è il ritorno
in casette anguste, come campi
di concentramento edificate,
scortati dagli uomini in divisa,
e sono i nostri compagni di notte
nelle auto all’addiaccio
appisolati. Chi siamo noi
facce nere? Noi i deboli
di oggi siamo, i figli dei padri
ridotti in catene ai quali
è proibito cantare
per non perdere il ritmo del lavoro.
nelle chiese e sui giornali
fratelli siamo chiamati, ma con gli occhi
biechi ci guardate e con sguardi
torvi ci minacciate.
e noi facce nere? Zitti
stiamo e dove ci portate andiamo.
ma chi siamo noi facce nere?
noi siamo le mansuete pecore
dei padroni bianchi, cavalli ciechi
di una tragica giostra intorno
alla quale ridere e spassarsi.
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (3 voti)

ad esseri umani come me ( nulla conta il colore della pelle ) non è stato insegnato che la vita è per tutti eterna lotta per la sopravvivenza....ma a tutti è stato donato ,non so qual' 'è il tuo dio, un corpo ed un pensiero funzionante...imparare ad usarli ( SENZA ALCUNA VIOLENZA ) per raggiungere i diritti che per ora non possiedi.... non lamenti ....non piangerti addosso... siamo tutti capaci di Ottenere se realmente Vogliamo avere...ti racconterei volentieri i miei anni di povertà vissuti come oggi li vivi tu ,con dignità e sempre senza mai pretendere nulla da nessuno.... il mio pezzo di pane l'ho realmente guadagnato coi miei sacrifici...ed oggi sono orgogliosa di non dover dire grazie a nessuno.....anche leggere e scrivere l'ho imparato andando a scuola con i miei figli iniziando con loro dalle elementari.....come vedi la vita non regala nulla a nessuno....un affettuoso saluto .....Gabriela.

il 29/03/2019 alle 08:21