Pubblicata il 27/03/2019
-Al languir tacendo ebbe sospiroso spirto,
un getto sacro d’odorosi butti di gelsomino,
mantra dal fuggitivo abbraccio l’amo diletto,
simile al torto a torre di focolaio, l’alto lato irto
petto di nebbiosa foce, a tratti nido a getto d’uccellino,
l’esser rannicchiati in cuor mio all’unisono
nostro il battito, rintocco virgineo d’attimo primo.
  • Attualmente 3.75/5 meriti.
3,8/5 meriti (4 voti)

Speciale musicalità poetica, molto apprezzata

il 27/03/2019 alle 07:06

Gentile! Grazie!

il 02/04/2019 alle 15:29