Pubblicata il 21/03/2019
Nannarè, mo sò proppio arabbiato,
penzi sortanto ar lifting a ‘e labbra;
dichi “’sta cosa è ‘n abbracadabbra,
coje mejo de chi er viso s’è tirato.”

io so ch’er viso tuo pare ‘n cespujo,
e lì ‘e labbra ce stanno pè procura,
a ristrutturalle me sa de fregatura,
quasi ‘na luce c’arischiara er buio.

credeme a me, si te rifai ‘a bocca,
cerca puro de calà ‘n pò ‘a panza
che si stai ‘n piedi pari ‘na brocca

e pè baciatte nun trovo ‘a distanza.
fidate, tiette ‘e labbra come stanno
e smetti de magnà armeno ‘n anno.
  • Attualmente 3.6/5 meriti.
3,6/5 meriti (5 voti)

Simpaticissimo vernacolo

il 21/03/2019 alle 20:12

divertentissima,nel contenuto e nel dialetto usato.

il 22/03/2019 alle 07:20