Pubblicata il 18/03/2019
Non un fiore grande quanto
questo cielo dentro il mio cuore
e le mie aspirazioni
quale universo le può comprendere?

l'infinito è nel mio cuore
fuori non trovo corrispondenze
se non in occhi
specchi di macrocosmi
che rendono piccolo
questo scientifico immenso nulla
per ciò che provo

in cerca di qualcosa che
possa anche solo avvicinarsi
a quello che ho dentro
e gli orizzonti infiniti verso cui tendo

tutto questo è ciarpame
passeggeri di un viaggio intorno a un campo incolto
mai s'accorgono, ciechi, muti, sordi, insensibili
comparse nella grande tragedia
noi antagonisti figli Maledetti

ci hai riservato solo l'Inferno
il Paradiso una menzogna
per scorticarmi dall'interno

cuore sofferente, Tempo inesistente
ivan catanzaro
ribelle maledetto, figlio di Chaos
  • Attualmente 2.66667/5 meriti.
2,7/5 meriti (3 voti)