Pubblicata il 24/02/2019
quando ci si sveglia da un sonno ristoratore, il mondo sembra creato ex novo. La prima cosa che "sento" è il mio corpo, il suo calore rassicurante, la consistenza delle sue ossa. Poi la luce. Dalla luce emergono le cose, i mobili, le coperte, gli occhiali, l'ipad, i primi pensieri, le prime paure, il primo paradosso. Il senso di estraneità.

il bilancio della mia vita, in negativo. I ricordi, le facce, i volti delle persone che conosco. Di molti, dubito che siano esistiti realmente. Sono solo passati nella mia vita, fotogrammi, immagini. Cosa c'è di reale in tutto questo? Arrivo a pensare di avere sedici anni e di stare al campeggio, mangiato dalle zanzare e affaticato dal sole cocente.

ho cinquant'anni e il mondo si sta creando ex novo. I primi raggi di sole, la prima mosca che comincia a ronzare e a disturbare, la necessità di far pipì, i primi elementari bisogni. La testa che inizia le sue prime elucubrazioni, due più due fa quattro, il fallito golpe in Turchia, la voglia di mollare tutto e andare a vivere a Istanbul, ho avuto un infarto. La paura è già dentro, mi prende dolcemente per poi strozzarmi fino a farmi male. Tutta quella gente schiacciata da un camion assassino a Nizza, dalla vita alla morte in pochi secondi.

devo godermi ogni attimo di questa mia avventura, e per farlo ho bisogno di me stesso, della collaborazione dei miei sensi, devo essere presente, presente a me stesso e a quel che mi circonda. Così inizio un nuovo giorno, raccogliendo le forze, raggruppando i miei muscoli, ho fame. Ho bisogno di sorridere, di vedere allo specchio un cinquantenne che sorride, perché il mondo al risveglio sembra crearsi ex novo.
  • Attualmente 4.5/5 meriti.
4,5/5 meriti (4 voti)

mi ci ritrovo appieno,soprattutto nel senso di estraneità che la luce,assieme agli oggetti di uso comune,svela.Ma l'importante è raccogliere ogni forza fisica e mentale e riconciliarsi con tutto ciò che è stato e sarà:e serve davvero tanta lucidità,motivazione,vitalità,quel senso di appartenenza che diventa necessaria per godere delle cose belle,che pure ci sono.Rialzarsi scoprendo,facendo mente locale,che nella vita sono preziosi anche gli attimi.

il 24/02/2019 alle 11:51

Grazie per aver condiviso il tuo pensiero. Questo scritto risale, come si evince, al tempo del terribile attentato di Nizza.

il 24/02/2019 alle 17:59