Pubblicata il 12/02/2019
Il sorgere del sole
saluta il riposo della campagna
e sbrilluccica sul marmo
facendomi lacrimare gli occhi.
in questo luogo di silenzio
lontano dalle strade.
con il sorgere del sole
che pettina la terra
vangata a brina, una goccia
salata cola dall’effigie.
stringo una zolla,
come fosse la mano di mio padre.
  • Attualmente 4.33333/5 meriti.
4,3/5 meriti (3 voti)