Pubblicata il 12/02/2019
l'acciottolato ti ho tirato in faccia/
perché tu mi avevi fatto/
una boccaccia.... /

lo sai dove lo metto
quel tuo dito/
adesso che
tu mi hai sporcato/

il mio vestito... /

e tu, fatto e strafatto tu/

con quel sorriso un po'
da scemo tu... /

ed io, a piedi nudi io/

prendevo a calci
i tuoi polpacci, io.. /

e schiacciarti le dita
dentro una portiera /

farti gonfi anche gli occhi
e non pensarci più /

sei una faccia di cu...
sei una faccia di cu.. /

poi nascosto nell'ombra della sera
poche palle... /
stai attento che ti stacco

anche la pelle... /

farti correre, cretino
a perdifiato/

darti quattro randellate/

sul tuo didietro....

e tu, povero grullo tu/
sei un chiodo fisso

disgraziato, tu.. /

ed io, non stavo zitto, io/
e ti infamavo a parolacce, io/

e gonfiarti le labbra

come un bel pallone/

e strapparti i capelli...

e i peli delle ascelle/

imbecille sei tu..
ti spedisco a Cantù /

sei un bel minchione... /

e adesso io ti faccio blu
soltanto tu e sempre tu/

ti faccio scoppiettare il cuore, io/

che cosa mai io ti farei
se tu non fossi come sei/

... ti staccherei gli zebedei.... /

e non per gioco sei caduto
dritto in mare/

calci pugni e una pedata

azz... , che male.... /

e tu, pallido ancor di più 
eri già gonfio come un puffo blu/

ed io, non ci credevo io
che ti strozzavo con le mani,... io/

coi vestiti inzuppati ... ah

non vuoi più scherzare/

non mi puoi più fermare
.. ti farei, si,... cioè /

sei un gran pezzo di me...
brutto pezzo di me...

ma vai un po' a cagare....

...........
  • Attualmente 3/5 meriti.
3,0/5 meriti (1 voti)