Pubblicata il 11/02/2019
Immobile,
su una fredda pietra
grezza
che giace senza
terra
a rimirare vergini strade
come orme dei rintocchi
d’un tempo passato
che segnan dei volti
la morte e ‘l gioire,
come pagine incise d’arte
di cui io mi fo’ parola.

s’inganna cielo il lago
si specchiano montagne
tra stelle oscure in fuga
come miraggi.

un soffio,
allungo la mano
e si rivela infine
il volto che m’incatena
e che io dannata
porgo alla notte.

silenzio,
ignoto demone,
invisibile destriero che fugge
senza meta,
ed esulta vincitore:
domarlo
leone che dorme,
cogliere un fiore,
sguardo di un folle,
e custodirlo tra ricci capelli.

con ali senza
canto
immobile
in volo
sul sussurro che trema
e tace.
  • Attualmente 4.33333/5 meriti.
4,3/5 meriti (6 voti)

“S’inganna cielo il lago”... già, che cosa conosciamo di noi stessi e cosa siamo in grado di mostrare agli altri? Quanto da leggere in questi versi, con l’attenzione dovuta a un testo di pregio.

il 11/02/2019 alle 16:23

una meraviglia, con una chiusa da brividi...

il 16/02/2019 alle 19:36