Pubblicata il 10/02/2019

nd’u kurtigghje arréte a kasa mìje
areve de civeze è fike stèvene
ke kacchje ka sópe ò’ titte jèvene.
Ò’ friscke de kuill’areve me mettéve
kuann’u kavete d’aùste u pajése ngucéve
è avvóte pur’a magnà allà jéve.
nu mezzjurne u musciarille se fremmaje
a uardarme mèndre u magnà kunzumave.
a ghisse kase pròbbete ne nge facìje
è kuille ke desfide da mè se n’ jìje
ke ‘na faccia nèreve ka dì paréve:
"Mò vake sóp’ò titte è ‘na magnate
de vuciulluzze me fazze!" Ma passaje
nu sakke d’óre sènza vucille pegghjà.
d’ò titte muscemusce se n’ascennìje
è avvecine è kòsse mìje se mettìje
a strusciarze kume pe me vulè mblurà:
"Damme pure a mè nu muzzukille:
pe ògge ìje me pòzze akkundandà!"

nel cortile dietro casa mia
c’erano alberi di gelsi e fichi
con rami che arrivavano al tetto.
all’ombra di quegli alberi mi sedevo
nei giorni afosi di agosto
e a volte lì pranzavo.
all’ora di pranzo un dì il gattino si fermò
a guardarmi mentre consumavo il pasto.
a lui non misi testa
e quello quasi sfidandomi se ne andò
con un viso torvo che sembrava dire:
"Adesso vado sul tetto e una mangiata
di uccellini mi faccio!" Ma trascorse
diverse ore senza prendere alcun uccello.
dal tetto lentamente scese
e si mise vicino alle mie gambe
a strofinarsi come per implorarmi:
"Dai anche a me un bocconcino:
per oggi mi accontenterò di quello!"
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (2 voti)