Pubblicata il 09/02/2019
All'inizio un'altra ce n'era
che già conosceva,
non aveva bisogno di una mela.

lilith dal colore lilla,
un fiore che non sovrasta,
ma che sta in mezzo ad un prato
non sapendo d'esser evoluto.

"Ecco cosa lui non aveva capito".

tutto era disposta a dare
non pensava a nessun potere.
Tutta presente di sopra e di sotto
nell'ordine delle cose
nell'amore di tutte le vite.

così Eva l'ha sostituita,
promettendo sesso, stabilità
status e ricchezza
se ci sta.

ma il tempo passò
e venne meno il sesso
diventato deviato e arido,
la fedeltà mancante,
l'impiccio fuorviante,
il capriccio sfacciato.

lo status sbriciolato
nell'apparente stabilità
posata su palafitte di immaturità.
Ricchezza se ci sta,
soldo facile, garantito
speso in mezzo ad un deserto
grande come un dito.

lilith nel suo lilla
ritrova la sua conoscenza
si elegge da sola
si accetta e si mostra.

adamo la vede
ma non ha ancora compreso.....
a far da zavorra
le vecchie false ascese.

ma lei conosce già il rischio
di chi ancora dorme nell'aldilà.

completa e fedele a sé stessa
piena di ogni cosa non si affretta,
forte di tutte le soluzioni
trova la strada senza padroni.

sposta le nubi,
parla coi santi,
chiama lo spirito
conosce i giganti.

grandi maestri
le si mostrano ovunque,
sia sulla terra che nel cielo stellato
generosi le spiegano
ciò che è stato.

non temere.. le dicono
ora ci sei
con la tua ascesa...
ora sei nei colori
della terra promessa.

tu lo sai già
che ci sarà un giorno
in cui la mela
tornerà di ritorno.

susanna Deguidi
  • Attualmente 4/5 meriti.
4,0/5 meriti (2 voti)

il mito di Lilith,unica "vera" donna la cui colpa fu non sentirsi inferiore a nessuno.

il 09/02/2019 alle 08:52