Pubblicata il 07/02/2019
si ‘a lópe te pigghje è nd’i sakke
mòmmabbìje nge ne stanne, ‘na gròssa
magnate te puje fà si nu póke
de fandasìje tine. Succiudéve
a mè tanne kuanne krjature éve
è ‘a mammarèlla mìje ‘a chjamave
u magnà d’a mesèrje pekkè ngustave
ninde è ‘na magnate de sunne déve.
pe prime ‘a ‘ddóre de nu tembane
de scevjòtte rusukarille kutte
ò furne, akkumbagnate d’a ‘ddóre
d’u vine ka d’è kandine véne fóre.
pe sekònne nu pare de bestèkke
d’arja frèscke nustrale akkumbagnate
d’a ‘ddóre de ‘na fèlle de pane sfurnate
d’a ‘Dórfe. Pe kundurne è ‘a frutte
‘na uardate è bangarèlle nghjazze
è kke l’ucchje tu putéve kapà
tuttekuille ka me pjacéve. Pe nghjude
mbellizze a’ pastecciarìje jéve
de petetòne ammizz’ò lareghe
andò tutte i ‘ddóre gnòtte putéve
d’i durcètte ka nd’a vetrine stèvene.
pure si ‘na magnate de sunne éve
è u stòmmeke ‘mmakande arrumanéve,
kuillu magnà k’a mesèrje me déve
me arrjalave tanda felecetà
ka mbaravise me paréve de stà!

se la fame ti prende e in tasca
soldi non hai, una grande
mangiata puoi fare se un po’
di fantasia hai. Capitava
a me allorquando ero bambino
e la mia mammina lo chiamava
il cibo della miseria perché non costava
nulla e una mangiata da sogno ti dava.
per primo l’odore di un timballo
di maccheroni croccanti cotti
al forno, accompagnati dall’odore
del vino che viene fuori dalle cantine.
per secondo un paio di bistecche
d’aria fresca nostrana accompagnate
dall’odore di una fetta di pane sfornato
da Adolfo. Pe contorno e frutta
una sbirciata alle bancarelle in piazza
e con gli occhi potevo scegliere
tutto ciò che mi piaceva. Pe chiudere
in bellezza andavo alla pasticceria
di scorreggione in piazza duomo
e potevo ingoiare tutti gli odori
delle paste che in vetrina erano esposte.
anche se una mangiata da sogno era
e lo stomaco vuoto restava,
quel cibo che la miseria mi dava
mi regalava tanta felicità
che in paradiso mi sembrava di stare!
  • Attualmente 4.66667/5 meriti.
4,7/5 meriti (3 voti)

è dialetto napoletano?Molti vocaboli li comprendo perchè sono simili al mio dialetto ma alcuni proprio no.Molto bella da leggere,fa riflettere su ciò che veramente era ed è necessario e ciò che di più superfluo abbiamo oggi.

il 07/02/2019 alle 20:36

È dialetto di Lucera (Foggia), una Città che ha avuto un importante ruolo nella storia dell'umanità fin dal tempo dell'antica Roma tanto da avere gli stessi diritti dei romani SPQL (Senatus Populusque Lucerinus) e che è continuato anche con imperatori quali Federico II Che ha portato in questo meraviglioso luogo oltre ventimila saraceni e Carlo d'Angiò, nonché imperatori dell'oriente. Ha numerosi monumenti (anfiteatro, fortezza svevo angioina… che testimoniano dello splendore del suo passato.

il 10/02/2019 alle 10:39

grazie delle importanti informazioni.Non ci sono mai stata ma se un giorno capitasse,la visiterò con piacere.

il 10/02/2019 alle 11:06

Ok! felice serata!

il 11/02/2019 alle 19:04